LA VITAMINA E: anticancro, antinvecchiamento ma ottima cura anche per l’acne!

È stata scoperta nel 1922 quando ci si accorse che I topi alimentati senza vitamina E non erano più in grado di riprodursi. Quando però la loro dieta fu nuovamente integrata con vitamina E tornarono a riprodursi.  In chimica viene detta tocoferolo, che dal Greco vuole significare appunto “che porta prole”. L’alfa-tocoferolo è la forma più attiva, ma esistono anche le frazioni gamma e delta. La vitamina E è un potente antiossidante (quindi rallenta la degenerazione dei tessuti…è un ottimo antiinvecchiamento), l’abbiamo già incontratta parlando di sport: protegge le membrane cellulari, soprattutto quelle dei nervi, ma rigenera anche quelle delle cellule del derma.

Carenze di vitamina E si riscontrano sempre in acne, anemia, alcuni tipi di cancro, calcoli, distrofia muscolare, Parkinson, Alzheimer. Protegge inoltre da disturbi cardiaci, seno fibrocistico, infezioni virali…. Per chi ne vuole assumere un aquantità precisa per fare una teraoia di un mese (oltre è sconsigliabile per eventuali accumuli) è sempre meglio scegliere integratori misti (quindi anche con gamma e delta-tocoferolo) e non solamente quelli puri di alfa-tocoferolo. Si ricorda inoltre che la forma L non è usata dall’organismo, mentre la forma D sì. Sono dettagli importanti per chi pensa ad un  integratore. Le migliori fonti naturali di vitamina E sono in ordine decrescente: olio di germe di grano (il più concentrato di tutti), olio di girasole, olio di mais, mandorle, olio extravergine di oliva, olio di fegato di merluzzo, nocciole, avocado, noci, pistacchi, burro, crusca di frumento, olio di cocco, anacardi. Ne troviamo un po’ anche nei pomodori e nelle verdure a foglia verde, ma molto poca.

Questa voce è stata pubblicata in Chimica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.