LA CICORIA e il suo potere depurativo

La cicoria è una pianta erbacea  perenne, della famiglia delle Asteraceae. Il genere selvatico ha dato origine a diverse varietà che vengono comunemente coltivate, fra cui la classica cicoria amara che altro non è che la catalogna, ma anche il cosiddetto cicorino, il radicchio rosso di Treviso, e il radicchio di Chioggia. In realtà sono più di una decina le varietà appartenenti al gruppo, queste nominate sono le più diffuse. Sono specie molto rustiche che ben resistono al freddo, per questo sono di stagione in autunno-inverno. Pare che dagli antichi egizi fosse considerata una pianta sacra.

Contiene parecchio potassio, un po’ di magnesio e di calcio, tanta fibra, un po’ di vitamina A, ma soprattutto vitamina C. Essendo ricchissima di fibra e inulina il suo ruolo principale è sull’intestino: avvia gli intestini più ostinati, per esempio decidendo di fare una “terapia” di sblocco la si può consumare tutte le sere per 7 giorni, in quantità dai 130 ai 170g, magari in associazione con un secondo leggero e poco pane integrale. Se invece la stitichezza è occasionale è sufficiente consumarla 3-4 sere di seguito. In questo modo smettiamo di produrre tossine ed assimilarle. Infatti un intestino pigro diventa un organo di intossicazione per tutto l’organismo, invece un intestino regolare favorisce lo smaltimento delle tossine. Ma le sue proprietà non si esauriscono qui. Abbatte il colesterolo LDL (cattivo) e alza il colesterolo HDL (buono), depura il fegato e lo protegge, stimola e protegge il sistema nervoso centrale alleviando I down emotivi,  favorisce la diuresi renale, ostacola la formazione di calcoli sia renali che biliari, abbatte l’acido urico, allevia I sintomi dell’artrite, e nei soggetti che soffrono di pressione bassa aiuta a sentirsi meglio anche se non alza la pressione in modo importante. Quindi la possiamo usare nelle insalate miste sicuri che contribuiremo a disintossicare e a depurare il nostro organismo. Possiamo infatti assumerla anche sottoforma di infuso, insieme al tarassaco si ottiene una tisana amara estremamente depurativa da bere tutte le sere prima di dormire per 10-14 giorni: mettete a bollire per qualche minuto in un pentolino 2  tazze di acqua leggera (residuo fisso tra 50 e 100mg/L) con 5g di cicoria (foglie essiccate per infuso) e 5g di tarassaco (foglie essiccate per infuso).

Questa voce è stata pubblicata in Ortaggi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento