Il Fagiolo

Ne esistono di diverse tipologie. Quelli bianchi di Spagna, quelli rossi detti Kidney, i cannellini, quelli neri, i borlotti, detti anche fagioli pinto, etc…

Sono fra i più diffusi tra i legumi, essendo una fonte molto economica di proteine. In ogni caso contengono più carboidrati che proteine, ma soprattutto sono una fonte eccellente di fibre che abbassano il colesterolo, ma rendono lento da assimilare, e quindi saziante, il pasto.

Contengono inoltre la vitamina B6 e la vitamina B9, oltre a quantità importanti di magnesio. B6 e B9 aiutano a tenere sotto controllo l’OMOCISTEINA, elemento che si alza nel sangue in caso di sindrome metabolica e può diventare terreno fertile per l’insorgenza di attacchi cardiaci, e malattie cardiovascolari. Contengono inoltre antiossidanti capaci di prevenire danni al DNA, quindi aiutano a prevenire tutti quei danni che accumulandosi portano al cancro.

Sono una fonte di fitoestrogeni, importantissimi per prevenire il tumore alla mammella.

UN UTILE CONSIGLIO IN CUCINA:

Spesso vengono consumati poco volentieri, a causa dei fastidi intestinali che possono dare, è sufficiente cucinarli con alga Kombu, per evitare situazioni imbarazzanti, mentre sono proprio vietati negli stati diarroici, negli allergici, in chi soffre di gotta e calcoli renali.

Questa voce è stata pubblicata in Legumi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.