Gli SPINACI

Non tutti sanno che appartengono alla stessa famiglia delle barbabietole e delle delle bietole (Chenopodiacee). I tipi di spinacio che si trovano più comunemente sono il tipo a foglia riccia color verde scuro (con foglie croccanti, ricche, grinzose e a trama elastica, che siamo soliti cucinare) e il tipo a foglia liscia (con foglie piatte, senza grinze, che siamo soliti consumare crudo in insalata). Nasce in Asia Sudoccidentale, coltivato in Cina da 2000 anni, è stato usato come farmaco in diverse medicine tradizionali, necessita di un clima temperato per crescere.. In Europa arriva nel XI secolo, lo portarono I Mori in Spagna.

Oggi I più grandi produttori sono Stati Uniti e Olanda.  100g di spinaci hanno solamente 41kcal, e sono ricchi di nutrienti importanti: vitamina K, C, B2, carotene, acido folico (che è la vitamina B9), manganese, magnesio, ferro, e in minor quantità B1,B6 e vitamina E. Da cotti liberano zuccheri semplici che nello spinacio crudo sono organizzati in forme complesse, quindi a più lento assorbimento. I benefici per la salute sono ampiamente riconosciuti: il ferro aiuta la qualità del sangue e dona energia e vitalità, ma gli spinaci sono l’alimento alcalinizzante per eccelenza, quindi ottimi in tutti gli stati di stress prolungato, convalescenza, diete proteiche. Inoltre sono un’ottima fonte di luteina, utile per la vista, previene degenerazione maculare e cataratta. Grazie alla clorofilla che gli dona il colore verde e ai caroteni è un ottimo anticancro, ma tale proprietà viene anche da ben altri 13 antiossidanti presenti negli spinaci: per lo più flavonoidi particolari detti anche glucuronidi. I ricercatori hanno perciò creato degli estratti di spinacio e li hanno messi a contatto con cellule di adenocarcinoma gastrico dell’uomo e con cellule di papilloma epiteliale del topo, in entrambi I casi ne hanno rallentato la divisione cellulare: il che significa che ne ostacolano la progressione. Uno studio degli anni ’80 condotto in New England dimostra come la popolazione di donne che consuma spinaci  regolarmente non presenta tumore al seno. Gli spinaci sono controindicati in chi soffre di calcolosi renale, infatti contengono grandi quantità di ossalati, e in chi soffre di gotta, poichè ricchi in purine.

Questa voce è stata pubblicata in Ortaggi. Contrassegna il permalink.