ALLENARE I GLUTEI: lezione 2

Gli affondi sono un altro modo per allenare glutei e gambe, possono essere eseguiti sul posto (esercizio statico) o in movimento, percorrendo un corridoio (esercizio camminato). Terremo dei manubri nelle mani per rendere l’esercizio più intenso. Inspiro bene a riempire i polmoni, quando sono saturi mi muovo espirando e appoggiando il piede destro avanti, quanto? Quel tanto che (e lo avrò misurato in precedenza) mi serve per piegare entrambe le ginocchia a 90° mentre scendo. La schiena deve essere perfettamente dritta. Mi fermo per inspirare tenendo la posizione. Poi inizio a salire espirando per fare il passo, spingo bene con il gluteo durante la salita e devo immaginare che un filo tiri la mia testa verso il soffitto. Non devo in alcun modo buttare il busto in avanti: è il gluteo che deve lavorare! Se faccio fatica allora mi posso aiutare contraendo di più gli addominali, sembrerà strano ma è così:  più li recluto nell’esercizio  e più l’esercizio diventa “leggero”. Faro 20-30 affondi in avanti per poi riposarmi circa un paio di minuti. Li posso eseguire anche sul posto, indietro e in obliquo. Interessante è l’esecuzione in statico su bosu…faticosissimo ma esaltante!! Posso sia usare il bosu per l’appoggio in avanti che per l’appoggio indietro.

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.